Vestito Al Ginocchio Plein Sud Donna Acquista online su qzIh0wIb3

PK1X1t9VO3
Vestito Al Ginocchio Plein Sud Donna - Acquista online su qzIh0wIb3
  • Prodotto in Italia
    Prodotto di provenienza italiana, sinonimo di qualità e creatività.
  • COMPOSIZIONE
    60% Viscosa, 33% Poliammide, 7% Elastan
  • DETTAGLI
    jersey, senza applicazioni, tinta unita, collo con scollatura quadrata, senza maniche, senza tasche, interno sfoderato, senza chiusura, elasticizzato, modello a tubino, vestibilità ridotta
TheFork
Log in

Tipo di ristorante

  • Tutti
    Tutti i ristoranti
  • Insider
    I migliori in città
  • Pop
    Le migliori promozioni
o

Tipo di cucina

Cultura

Condividi:

Commenti:

0

Solo il 71% delle imprese italiane ha un sito web contro la media europea del 77% e solo l’8% effettua vendite online per almeno l’1% del fatturato, contro il 18% della media Ue. Un libro analizza il ritardo dell’Italia nell’utilizzo della Rete a fini commerciali.

Fabrizio de Feo - Sab, 30/06/2018 - 21:00
commenta

Il web-marketing, questo sconosciuto. È un adagio che risuona in ogni riflessione e ragionamento pubblico sulle prospettive del nostro sistema quello dell’investimento delle aziende italiane e della nostra Pubblica Amministrazione nei nuovi strumenti offerti dalla Rete.

Il ritardo rispetto al resto d’Europa è evidente. L’Italia è al 25mo posto (su 28) del Desi (Digital economy and society index), l’indice della Commissione europea che mappa il livello di digitalizzazione dei Paesi dell’Unione europea. Per quel che riguarda la digitalizzazione delle imprese solo il 71% di quelle italiane ha un sito web, contro la media europea del 77% e solo l’8% effettua vendite online per almeno l’1% del fatturato, contro il 18% della media europea. Se è vero che qualcosa si muove e il gap con Paesi come Francia, Germania, Polonia, Regno Unito e Spagna si sta riducendo, ciò non basta a fare dell’Italia un’economia digitale «matura».

Non è facile vincere le resistenze all’innovazione che ancora oggi dimorano in buona parte del tessuto imprenditoriale e commerciale italiano. Eppure il web marketing potrebbe davvero rappresentare una chiave di volta per il made in Italy. Per questo tre esperti del settore come Paola Sabella, Direttore dell’Agenzia Sviluppo Chieti-Pescara nonché Segretario generale della Cciaa di Crotone, Walter D’Amario, docente dell’Università «D’Annunzio» Chieti-Pescara, e Giovanni Marcantonio, Project Manager Enterprise Europa Network, hanno provato in un libro-inchiesta – “Il web marketing per l’internazionalizzazione” Edizioni Meta – a fare il punto e fotografare la situazione italiana, raccontando alcune best practice e sgombrando il campo dai falsi miti che circolano in questo ambito.«Serve un approccio strategico e bisogna fare attenzione ai troppi professionisti improvvisati» è l’allarme di Walter D’Amario. «Il web marketing è un’ineludibilità. Eppure è sconcertante rilevare che persino in molte grandi aziende ci sia ancora una totale mancanza di cultura in tal senso. Se si procede senza un approccio strategico e non si agisce subito, le imprese del nostro Paese non avranno la possibilità di cogliere le opportunità offerte dal digitale per la tenuta del proprio business e per cogliere le possibilità offerte dall’internazionalizzazione». «Ci si chiede come sia possibile che molte aziende nonostante siano online con propri siti web e siano approdate sui social network non sappiano ancora utilizzare gli strumenti con un approccio strategico. La presenza online non solo non basta ma spesso può trasformarsi in un vero e proprio boomerang. Gli utenti-clienti si accorgono subito se un sito è statico e non offre servizi e se dunque non è pensato al fine di migliorare il servizio stesso». D’Amario evidenzia che il 50% delle aziende oggetto della ricerca dichiara di non ritenere il web utile al proprio business. «È una sciocchezza. Basti pensare che se un’azienda non è online Google Maps non la rileva nelle ricerche. Dunque persino nella semplice richiesta di un indirizzo il potenziale cliente non è in grado di ottenere le informazioni. Non si può più prescindere dall’approdo online anche semplicemente per essere raggiungibili». Il docente dell’ateneo abruzzese punta inoltre il dito contro la marea di «incompetenti digitali» che «non fanno bene al Paese e contribuiscono a confondere le aziende e addirittura a creare un clima di sfiducia».

Se orientarsi nel mare magnum dell’offerta non è facile, D’Amario invita le aziende a «rivolgersi alle associazioni di categoria sul territorio e farsi guidare in una prima consulenza per capire cosa può essere utile al proprio business». Perché «la non conoscenza ancor prima della non competenza, si traduce in mancanza di redditività. Bisogna colmare un ritardo che iniziamo a scontare in maniera pesante e bisogna farlo al più presto e in maniera professionale, dicendo basta alle improvvisazioni».

Tag:
Pullover Love Moschino Donna Acquista online su DQ9Yo
Potrebbe Interessarti Anche
Caban E Doppio Petto Deadwood Donna Acquista online su E44lkkyM5o

Info e Login

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui .Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Il Sole 24 Ore Mutui Online > Confronta i mutui
Acquisto Prima Casa E’ il mutuo per comprare l’abitazione principale. Consente di ottenere importi sino al 100% del valore dell’immobile. Per questi mutui è prevista una detrazione fiscale sugli interessi passivi pagati.

Acquisto Seconda Casa E’ il mutuo per comprare tutte le abitazioni che non siano la prima (2°, 3°, ecc.ecc.). Consente di ottenere importi sino al 100% del valore dell’immobile. Non è prevista detrazione fiscale.

Acquisto in asta giudiziaria Permette di acquistare casa partecipando ad un’asta giudiziaria. Per il trasferimento della proprietà non si deve pagare alcuna spesa notarile, inoltre è possibile usufruire dei benefici fiscali per la “prima casa”.

Acquisto + Liquidità E’ il mutuo per comprare l’abitazione, che consente di ottenere una somma aggiuntiva di liquidità, da utilizzare per le proprie esigenze. Per questi mutui è prevista una detrazione fiscale sugli interessi passivi pagati per la quota relativa all’acquisto.

Acquisto + Ristrutturazione E’ il mutuo per comprare l’abitazione, che consente di ottenere una somma aggiuntiva per i lavori per la sistemazione, interna e/o esterna di un immobile ad uso abitativo. La somma può essere erogata in un'unica soluzione all’atto oppure a “stato avanzamento lavori” per la parte destinata alla ristrutturazione. Per questi mutui è prevista una detrazione fiscale sugli interessi passivi.

Acquisto Prima Casa Consap E’ il mutuo per comprare l’abitazione principale. Consente di ottenere importi sino al 100% del valore dell’immobile. Il finanziamento si avvale della garanzia del Fondo Prima Casa Consap, che copre il 50% della quota capitale. Per questi mutui è prevista una detrazione fiscale sugli interessi passivi pagati.

Surroga(Cambia mutuo a spese zero) Permette di trasferire il proprio mutuo (che attualmente si sta rimborsando) ad un’altra banca con una procedura semplificata, in modo da poter ottenere migliori condizioni (durata diversa, tasso più vantaggioso, etc) senza sostenere costi notarili o bancari.

Surroga + Liquidità Permette di trasferire il proprio mutuo (che attualmente si sta rimborsando) senza sostenere costi notarili o bancari per la parte di importo residuo del mutuo originario, e consente di ottenere una somma aggiuntiva di liquidità, da utilizzare per le proprie esigenze.

Ristrutturazione Consente di ottenere fino al 100% del costo dei lavori per la sistemazione, interna e/o esterna di un immobile ad uso abitativo. La somma può essere erogata in un'unica soluzione all’atto oppure a “stato avanzamento lavori”. Non è prevista detrazione fiscale.

Liquidità Permette di ottenere una somma di liquidità da utilizzare come si desidera. Importo ottenibile fino al 50% del valore attuale dell’immobile ad uso abitativo.

Consolidamento debiti Consente di estinguere i debiti (mutui e prestiti) in corso e avere così una sola rata da pagare (più bassa della somma delle rate precedenti), ottenendo eventualmente anche una quota di liquidità aggiuntiva.

Tasso fisso Il tasso e la rata restano uguali per tutta la durata del mutuo Tasso variabile Il tasso segue le variazioni dell’indice di riferimento (Euribor o tasso BCE). Il tasso e la rata varieranno quindi ad ogni aggiornamento secondo le modalità previste nel contratto (es.: mensile, trimestrale). Scegliendo uno dei due indici verranno visualizzati solo i mutui indicizzati con il parametro prescelto. Selezionando Tutti, per ogni banca verrà visualizzato il mutuo con il Taeg minore, senza distinzione di indice. Tasso variabile con cap (tetto massimo) Il tasso è variabile ma non potrà mai salire oltre un valore prefissato (cap). Anche se i tassi dovessero superare tale valore, il tasso applicato resterebbe quello del tetto massimo Tasso variabile a rata costante (durata variabile) Il tasso è variabile ma l’importo della rata è fissato all’inizio del mutuo. La rata quindi resta costante e si modifica la durata del mutuo: più lunga se i tassi salgono, più breve se i tassi scendono Tasso misto Durante la vita del mutuo, solitamente a scadenze predefinite (es: ogni due anni), è possibile scegliere tra tasso fisso e tasso variabile (opzione). Tasso e rata si comporteranno come quelle di un variabile classico e di un fisso classico fino al momento dell’opzione successiva.

Per mutui di acquisto Il valore dell’immobile è, di norma, il prezzo di acquisto; molte banche però si tutelano indicando, come valore a garanzia del mutuo, l’importo più basso tra il prezzo di acquisto e la perizia estimativa effettuata successivamente. Indicare pertanto il reale prezzo di acquisto, eventualmente stimato se non si è ancora conclusa la trattativa.

Per mutui di ristrutturazione Il valore dell’immobile è pari all’attuale prezzo ipotetico di vendita del fabbricato, verificato dalla banca tramite perizia. Indicare pertanto la propria ragionevole stima dell’attuale valore di mercato dell’immobile.

Per mutui di surroga, sostituzione+liquidità, consolidamento debiti o liquidità Il valore dell’immobile è pari all’attuale prezzo ipotetico di vendita del fabbricato, verificato dalla banca tramite perizia. Indicare pertanto la propria ragionevole stima dell’attuale valore di mercato dell’immobile.

Per identificare l’importo da richiedere occorre considerare la finalità del mutuo. A seconda della finalità, inoltre, varia la percentuale massima del valore dell’immobile che il mutuo può rappresentare. Ad esempio, importi vicini o superiori all’80% del valore dell’immobile possono ridurre il numero di offerte disponibili e prevedere costi più elevati. Di seguito alcune indicazioni per individuare l’importo indicativo di mutuo da richiedere. Acquisto Prima o Seconda Casa Importo del finanziamento che si intende richiedere alla banca per pagare in tutto o in parte l’acquisto dell’immobile.

Ristrutturazione Importo stimato del costo dei lavori da effettuare.

Surroga (Cambia mutuo a spese zero) Importo residuo, anche indicativo, del mutuo ancora da restituire.

Surroga + Liquidità Somma dell’importo residuo del mutuo ancora da restituire e della cifra di liquidità aggiuntiva che si vorrebbe ottenere. Normalmente l’importo di liquidità non deve essere superiore ad una certa quota percentuale dell’importo residuo. Tale quota può variare da banca a banca.

Liquidità Ammontare di liquidità che si vuole richiedere. L’importo ottenibile è normalmente limitato ad una percentuale massima del valore dell’immobile. Il limite può variare da banca a banca.

Consolidamento debiti Somma degli importi residui ancora da restituire, anche indicativi, di tutti i finanziamenti in corso che si intende estinguere e consolidare con il mutuo.

Compila questo modulo per essere contattato
PROFESSIONISTI NELLA CONSULENZA

Per poter sostenere l’esame di Stato è necessario svolgere un periodo di tirocinio di 18 mesi .

tirocinio di 18 mesi

E' possibile lo svolgimento di un doppio praticantato professionale ( praticantato consulente del lavoro presso commercialista ) se l'attività non è contemporanea e quindi nel caso in cui non comporti un impegno destinato effettivamente a sovrapporsi sotto il profilo temporale.

praticantato consulente del lavoro presso commercialista

L’esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione consiste in:

1) prove scritte : richiedono lo svolgimento di un tema sul diritto del lavoro e sulla legislazione sociale e una prova teorico-pratica sul diritto tributario, scelti dalla Commissione;

prove scritte

2) prova orale sulle seguenti materie e gruppi di materie:

prova orale

- diritto del lavoro;

- legislazione sociale;

- diritto tributario;

- elementi di diritto privato, pubblico e penale;

- nozioni generali sulla ragioneria, con particolare riguardo alla rilevazione del costo del lavoro ed alla formazione del bilancio.

Dal 27 settembre 2016 è in vigore un nuovo Codice deontologico che introduce specifiche tutele e sanzioni disciplinari rafforzando i principi di rispetto tra colleghi e tutela della clientela del professionista.

nuovo Codice deontologico

L’ambito di applicazione del Codice deontologico è stato esteso anche alle società tra professionisti iscritte all’Albo dei Consulenti del Lavoro e ai praticanti consulenti.

Schede pratiche Se ti interessa l’attività professionale di consulente e di perito e vuoi rimanere sempre aggiornato sui relativi adempimenti, consulta o acquista subito a € 5,99:

TShirt Balmain Donna Acquista online su gs6uFeQ

Per poter svolgere la professione di dottore commercialista ed esperto contabile è necessario aver superato l’esame di Stato ...

Per poter svolgere la professione di amministratore di condominio è necessario il possesso di una apposita formazione. Infat ...

I lavoratori autonomi possono costituire una società per l'esercizio dell'attività professionale. La possibilità di costitui ...

Gli esercenti arti e professioni sono, in linea generale, soggetti all’IRAP (imposta regionale sulle attività produttive) se ...

Sommario

Cosa fa un consulente del lavoro

Il consulente del lavoro svolge per conto del datore di lavoro tutti gli adempimenti previsti dalle norme vigenti per l' amministrazione del personale dipendente , nonché ogni altra funzione che sia affine, connessa e conseguente a quanto sopra.

Albo consulenti del lavoro

Consulenti del lavoro

Come iscriversi all'albo dei consulenti del lavoro

L'iscrizione nell'albo si ottiene a seguito di istanza, redatta in bollo e rivolta al Consiglio dell'Ordine nella cui provincia il richiedente ha la residenza o il domicilio professionale, corredata da alcuni documenti attestanti, tra le altre cose, il superamento dell’esame di Stato.

Gli ex dipendenti del Ministero del lavoro e della previdenza sociale, per i quali non è richiesto l'esame di Stato, ai fini della iscrizione all'albo professionale, devono presentare l'attestazione rilasciata dal Ministero del lavoro e della previdenza sociale comprovante che gli stessi hanno svolto mansioni di ispettori del lavoro presso gli ispettorati del lavoro.

Esame di Stato consulente del lavoro

Per poter sostenere l’esame di Stato è necessario svolgere un periodo di tirocinio di 18 mesi .

E' possibile lo svolgimento di un doppio praticantato professionale ( praticantato consulente del lavoro presso commercialista ) se l'attività non è contemporanea e quindi nel caso in cui non comporti un impegno destinato effettivamente a sovrapporsi sotto il profilo temporale.

L’esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione consiste in:

1) prove scritte : richiedono lo svolgimento di un tema sul diritto del lavoro e sulla legislazione sociale e una prova teorico-pratica sul diritto tributario, scelti dalla Commissione;

2) prova orale sulle seguenti materie e gruppi di materie:

- diritto del lavoro;

- legislazione sociale;

- diritto tributario;

- elementi di diritto privato, pubblico e penale;

- nozioni generali sulla ragioneria, con particolare riguardo alla rilevazione del costo del lavoro ed alla formazione del bilancio.

Codice deontologico dei consulenti del lavoro

Consulenti tecnici e periti del tribunale

Per poter svolgere la professione di dottore commercialista ed esperto contabile è necessario aver superato l’esame di Stato ...

Per poter svolgere la professione di amministratore di condominio è necessario il possesso di una apposita formazione. Infat ...

I lavoratori autonomi possono costituire una società per l'esercizio dell'attività professionale. La possibilità di costitui ...

Gli esercenti arti e professioni sono, in linea generale, soggetti all’IRAP (imposta regionale sulle attività produttive) se ...

chiudi
Entra
Non sei ancora registrato?

La registrazione al sito Ipsoa ti consente di accedere ai servizi riservati , di iscriverti alla newsletter di Ipsoa Quotidiano, di scaricare contenuti e di sincronizzare tutte le scadenze disponibili nel sito in Outlook.

Questo sito fa parte del gruppo Citynews: proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Giubbotto Pelle TwinSet Simona Barbieri Donna Acquista online su Ajx9jC
. Ti chiediamo anche il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze. Potrai rivedere la tua scelta in qualsiasi momento, cliccando nel link " Privacy " in fondo a tutte le pagine dei siti Citynews.

Mostra tutte le finalità di utilizzo

Powered by

Borse Dsquared Codice Articolo hd309910772124 Zu63FmuAsr
Vestito Corto Barbara I Gongini Donna Acquista online su im6RT6Wa
Economia

Nel 2017 il reddito pro capite è cresciuto del 2,1% e la nostra città è tra quelle in Abruzzo che registranogli incrementi maggiori in termini di spesa. Ottimi risultati anche nel segmento dellevetture usate. I dati per mobili, elettrodomestici e Information Technology

Redazione
Condivisioni
I più letti di oggi
1
2
3
4
Approfondimenti

Comunicati i principali risultati della ventiquattresima edizione dell’ Osservatorio di Findomestic Banca sul consumo di beni durevoli in Abruzzo , presentato a Roma.

Osservatorio di Findomestic Banca Abruzzo

Nel 2017 il reddito pro capite delle famiglie abruzzesi è cresciuto del 2,1% per un controvalore di 16.994 euro , valore che risulta il più elevato tra le regioni meridionali. La spesa complessiva per i beni durevoli è stata pari a 1.175 mn di euro in aumento del 2,3% rispetto al 2016, un incremento maggiore rispetto alla media nazionale (+2% con 60.558 mn di euro). Dopo un 2016 in flessione il 2017 ha evidenziato un sentiero di crescita positivo per l’economia della Regione, seppure lievemente inferiore al Mezzogiorno e al dato nazionale.

reddito pro capite 16.994 euro beni durevoli 1.175 mn di euro

Nel 2017 aumenta il reddito disponibile pro capite di tutte le province abruzzesi rispetto allo scorso anno. Guida la classifica Chieti con 18.054 euro (+2,4%) , mentre seguono L’Aquila con 17.656 euro (che registra la crescita inferiore tra le province abruzzesi con un +1,8% ), Pescara con 16.540 euro ( +2,2% , in accelerazione rispetto al +1,7% del 2016) e Teramo con 15.491 euro ( +1,9% ).

reddito disponibile pro capite Chieti con 18.054 euro (+2,4%)

Contatti

dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 18.00
PA (numero verde unico)
IMPRESE (per malfunzionamenti sul Portale Acquisti in Rete)
Vedi tutti i contatti
Seguici su
Link Veloci
Portale
Supporto
Seguici su
Contatti
dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 18.00
PA (numero verde unico)
800 753 783
IMPRESE (per malfunzionamenti sul Portale Acquisti in Rete)
800 062 060